Badia Lost & Found

Description

Description

![enter image description here](https://goo.gl/images/78Wrg4 “enter image title here”)

*Settembre 2017, Lentini, provincia di Siracusa, Sicilia.*

In questa cittadina qualcosa da allora è stato avviato un processo di valorizzazione mediante l’arte pubblica, accessibile a tutti, là dove multiproprietà ed abusivismi non potevano fare da motore d’attrazione ed argomento di disciplina artistica.

Un progetto open source per un quartiere che detiene anche siti/monumenti e beni ad alto interesse storico-artistico e paesaggistico: il quartiere Badia.
La mancanza di progettualità e l’assenza di incentivi oggi lasciano spazio all’interazione ed alla formazione attorno all’Arte Urbana: eventi, workshop, live performance e laboratori sono stati attivati, bonificando e rintroducendo una semplice e diretta argomentazione attorno alle buone pratiche civiche.

Lentini è una cittadina che insiste in un bacino di circa centomila abitanti, sita tra le città di Catania e Siracusa, non ha mai avuto altra dimensione museale, eccezion fatta per le collezioni archeologiche del museo civico.
Dopo l’esperienza che prima limitava solo su **[Palazzo Beneventano](https://palazzo-beneventano-lentini.business.site/)**, è stata avviata l’idea di un “museo a cielo aperto” con un progetto-studio di rigenerazione urbana: Badia *Lost & Found*.

![enter image description here](https://goo.gl/images/PYsfPS “enter image title here”)

Abbiamo sempre immaginato il quartiere come un aeroporto in cui, nei vari lassi di tempo, vite e comunità vanno e vengono, sedimentando energie e segni che il sito stesso col tempo emana.
Come in tutti gli aeroporti è facile perdersi e smarrire oggetti personali, come borse, bagagli e molto altro: per questo motivo le società che gestiscono gli aeroporti hanno creato dei locali *lost and found*, in cui si raccolgono tutti gli oggetti smarriti dai viaggiatori che vengono ritrovati dal personale di terra e di volo. Infatti, i *lost and found* non solo raccolgono oggetti persi nell’aerostazione, ma anche su autobus e voli, ovvero in tutti i locali aeroportuali.
In questo singolare caso, il nostro *lost & found* è nato con la missione di raccogliere tutte quelle memorie smarrite e rimandarle in circolo ai diretti protagonisti, cittadini e viaggiatori, con l’Arte Urbana e molto altro.

Il progetto Badia Lost & Found (www.areablef.com) sta ricucendo quella ferita, quel rapporto lacerato, strappato ma fondamentale tra cittadino/abitante/luogo, un’abitudine che da tempo sembra essersi persa. Proprio per queste motivazioni, attorno all’idea di “galleria urbana”, un ruolo fondamentale lo sta assumendo l’abitante del quartiere, improvvisandosi, costruendosi soggetto attivo dei lavori, che riscopre e si riscopre parte fondamentale del sistema di micro e macro area cittadina. Un’arte, quindi, fruibile a tutti, un’arte libera e accessibile, priva di scheletri. Un’arte cittadina per i cittadini.

Nel territorio lentinese (leontino) molte sono le entità sottoposte a fenomeni evolutivi, così come degli attori coinvolti e delle relazioni che tra loro attuano.
Negli ultimi decenni, essendo vicini a Catania ed influenzati dall’area metropolitana etnea, queste entità hanno subito un processo di annullamento di fabbisogno artistico-culturale, soddisfando interessi, curiosità e tempo libero nei centri più grandi e di facile raggiungimento.

Il progetto “Badia Lost & Found”, grazie anche alle collaborazioni con progetti virtuosi e virtuali quali Invasioni Digitali, Swapmuseum, Izi.Travel ed altri, sta investendo importanti conoscenze, esperienze ed energie per trasformare l’impossibile in possibile.

Quella attorno ai murales d’autore e attorno a Palazzo Beneventano (polo di produzione ed esposizione d’arte contemporanea e delle culture), sta divenendo una realtà percorribile, virtuosa e con buone occasioni di sviluppo, rispettando la specificità identitaria dei luoghi.

Badia Lost & Found è un progetto incrementale e rigenerativo, per questo crediamo nella missione rigenerativa di nuovi valori sociali e culturali, mettendo al centro le persone e le loro memorie.

Questo progetto lo stiamo percependo come naturale conseguenza del lavoro svolto fin oggi dalla [sezione locale di Italia Nostra Onlus](https://www.italianostra.org/sezioni-e-consigli-regionali/le-nostre-sezioni/sicilia/lentini/), certi di sviluppare una nuova idea e nuovi processi culturali.

Contact

Contact
  • Addressvia S.Francesco d'Assisi, 4
  • Phone3287167281
  • E-mailinfo@areablef.com
  • Websitehttp://www.areablef.com/index.php/it/
  • Category Sud Innovation
  • Location Sicilia
  • Tag art, arte, arte pubblica, badia, badia lost and found, contemporary art, innovazione urbana, intrattenimento, lentini, lentini è bella, museo delle persone, persone, primo parco urbano d'arte, quartiere, rigenerazione urbana, sicilia, siracusa, sostegno cittadino, spazi pubblici, street art, terzo settore, urban art

Location

Badia Lost & Found
Get directions

 

Contact

Badia Lost & Found
  • By Giorgio Franco
  • Email: salvatoregiorgio.franco@gmail.com

Il tuo nome (required)

La tua email (required)

Oggetto

Messaggio